Obesità infantile: numeri allarmanti

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.26.7″ box_shadow_style=”preset1″ width=”100%” custom_margin=”|-1px||0px||” custom_padding=”30px|29px|11px|30px||” fb_built=”1″ _i=”0″ _address=”0″][et_pb_row _builder_version=”3.26.7″ custom_padding=”|30px|23px|28px||” _i=”0″ _address=”0.0″][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.26.7″ _i=”0″ _address=”0.0.0″][et_pb_text _builder_version=”3.26.7″ custom_padding=”||0px|||” _i=”0″ _address=”0.0.0.0″]

In età scolare, più di 1 bambino su 3 è in sovrappeso.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.26.7″ custom_padding=”13px||18px|||” _i=”1″ _address=”0.1″][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.26.7″ _i=”0″ _address=”0.1.0″][et_pb_text _builder_version=”3.26.7″ custom_padding=”3px|||||” _i=”0″ _address=”0.1.0.0″]

A nulla serve vantarsi di essere la patria della dieta mediterranea: in Italia, paese la cui tradizione alimentare è considerata una delle più salutari al mondo, più di un bambino su 3 è obeso. A svelarlo è uno studio presentato all’Expo 2015 secondo cui ad avere la peggio è la fascia d’età che va dai 9 anni all’adolescenza.

Promosso da Artoi, l’Associazione Ricerca e Terapie Oncologiche Integrate, nell’ambito del progetto “Health on the move”, pensato per prevenire l’obesità infantile nelle scuole, lo studio è stato condotto nelle scuole elementari e medie inferiori del Lazio. In totale sono stati coinvolti più di 2.900 bambini e bambine di età compresa tra i 6 e i 13 anni. I dati raccolti hanno dipinto un quadro anche peggiore rispetto a quanto ci si potesse attendere in base alle ricerche condotte in passato. In particolare, il 29,3% degli studenti delle scuole elementari del Lazio è risultato obeso. Il problema incide ancora di più in età adolescenziale, quando ben il 33,6% degli studenti è obeso, in gran parte ragazze.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row column_structure=”2_5,3_5″ _builder_version=”3.26.7″ min_height=”294px” custom_padding=”18px|||3px||” _i=”2″ _address=”0.2″][et_pb_column type=”2_5″ _builder_version=”3.26.7″ _i=”0″ _address=”0.2.0″][et_pb_image src=”https://easynature.komunikasi.it/wp-content/uploads/2019/08/childhood-obesity-junk-food-high-calories.jpg” _builder_version=”3.26.7″ box_shadow_style=”preset1″ _i=”0″ _address=”0.2.0.0″][/et_pb_image][et_pb_image src=”https://easynature.komunikasi.it/wp-content/uploads/2019/08/imagecc.jpg” _builder_version=”3.26.7″ box_shadow_style=”preset1″ _i=”1″ _address=”0.2.0.1″][/et_pb_image][/et_pb_column][et_pb_column type=”3_5″ _builder_version=”3.26.7″ _i=”1″ _address=”0.2.1″][et_pb_text _builder_version=”3.26.7″ custom_padding=”3px|||||” _i=”0″ _address=”0.2.1.0″]

Ad aggravare ulteriormente la situazione è la nota associazione tra obesità in età pediatrica e obesità in età adulta.

Gli adolescenti obesi, infatti, rischiano di trascinarsi i loro problemi di peso anche in età adulta.

Secondo gli esperti tutto ciò può essere evitato solo insegnando ai ragazzi come garantirsi una corretta alimentazione eliminando le cattive abitudini a tavola e abbandonando uno stile di vita sedentario.

Il costo di una prevenzione basata su un approccio di questo tipo è limitato, mentre i suoi benefici sono elevati: a fronte di un investimento stimato di 17 euro a persona potrebbero essere salvate ogni anno 150 mila vittime delle conseguenze dell’obesità, dal diabete alle malattie cardiovascolari, passando per il cancro.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Articoli correlati