ANORESSIA

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”4.5.3″ _module_preset=”default”][et_pb_row _builder_version=”4.5.3″ _module_preset=”default”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”4.5.3″ _module_preset=”default”][et_pb_text _builder_version=”4.5.3″ _module_preset=”default”]

L’anoressia è un grave disturbo alimentare, che, in chi ne è affetto, è motivo di:

  • un’eccessiva perdita di peso;
  • una forte paura di ingrassare;
  • una visione distorta della propria immagine corporea.

Il soggetto anoressico, infatti, è molto magro, monitora costantemente il proprio peso corporeo, evita di mangiare e si vede più “grasso” di quello che è in realtà.
L’anoressia nervosa sconvolge la vita di una persona, in quanto il pensiero legato al peso corporeo interferisce con qualsiasi altra attività quotidiana, dalla scuola o il lavoro ai rapporti interpersonali.

Il trattamento dell’anoressia nervosa è complesso e richiede la collaborazione di specialisti, quali dietisti, medici esperti in disturbi alimentari, psichiatri e psicologi.
Infatti, un malato di anoressia nervosa necessita non solo di un piano dietetico ad hoc, ma anche di un adeguato supporto psicologico (psicoterapia).
In altre parole, l’obiettivo della terapia è curare il corpo (cioè la sintomatologia fisica) e, allo stesso tempo, curare anche la mente (ossia la sintomatologia comportamentale).
Come affermato, è importante agire in breve tempo e quando la malattia è agli stadi iniziali e non ha ancora indotto la comparsa di complicanze.

Dottoressa Eliana Violetti

  • Psicologa
  • Psicoterapeuta
  • Psicoterapia cognitiva comportamentale
  • Functional Coach

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Articoli correlati