Bulimia, un disturbo del comportamento alimentare

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”4.5.3″ _module_preset=”default” locked=”off”][et_pb_row disabled_on=”off|off|off” _builder_version=”4.5.3″ _module_preset=”default”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”4.5.3″ _module_preset=”default”][et_pb_text _builder_version=”4.5.3″ _module_preset=”default” hover_enabled=”0″]

Bulimia

La bulimia è un disturbo del comportamento alimentare che, nella persona affetta, è responsabile di grandi abbuffate di cibo, seguite da sensi di colpa e comportamenti anomali finalizzati alla “neutralizzazione” dell’apporto calorico di quanto ingerito. La bulimia è un problema tipicamente femminile, che riguarda soprattutto le donne di età compresa tra i 16 e i 40 anni.

Per “neutralizzare” l’apporto calorico delle grandi abbuffate alimentari, il bulimico adotta varie strategie; quelle più comuni sono: il vomito autoindotto, l’assunzione impropria di lassativi, l’adozione di una dieta altamente restrittiva e l’esercizio fisico strenuo.
Il trattamento della bulimia richiede l’intervento di un team di specialisti e ruota, principalmente, attorno alla psicoterapia.[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Articoli correlati